Olio Essenziale di Lavanda

L’Olio Essenziale di Lavanda (Lavandula Angustifolia)

è un liquido trasparente di colorazione variabile da incolore a giallognolo dalla fragranza erbaceo-floreale con sottofondo balsamico-legnoso; è chiamato anche Olio Essenziale di Lavanda Vera (Lavandula Vera), Lavanda Officinale (Lavandula Officinalis) o Lavanda dei Giardini.

La pianta della lavanda è una pianta erbacea perenne originaria dell’area mediterranea appartenente alla famiglia delle Laminaceae che può raggiungere il metro di altezza. Cresce su terreni aridi e sassosi formando splendidi cespugli e fiorisce, a seconda della specie, fra la primavera e l’estate. Esistono numerose specie di lavanda, come la lavanda Latifolia, la Stoechas, la Dentata, ecc…., ma per estrarre l’Olio Essenziale di Lavanda si utilizza principalmente la Lavandula Officinalis detta anche Lavanda era o dei Giardini, che fiorisce d’estate con fiori di colore azzurro-grigiastro molto profumati.

Esistono inoltre numerosi ibridi chiamati Lavandini, maggiormente coltivati rispetto alle specie pure per il maggior sviluppo vegetativo e le infiorescenze più grandi che consentono alti rendimenti per la produzione di oli essenziali.

Tra questi va ricordata la Lavandula X Intermedia, ottenuta dalle due varietà L. Angustifolia e L. Latifolia, molto utilizzato per la produzione degli oli essenziali.

Per estrarre l’Olio Essenziale di Lavanda vengono impiegate le sommità floreali fresche mediante distillazione in corrente di vapore.

L’Olio Essenziale di Lavanda è uno dei rimedi naturali tra i più conosciuti ed utilizzati. Le sue innumerevoli proprietà meriterebbero un intero libro per essere elencate e descritte in modo adeguato ed è un prodotto che non dovrebbe mai mancare nelle nostre case.

Tra gli oli essenziali, è l’unico che può essere applicato direttamente sulla cute e per qualsiasi tipo di cute. E’ particolarmente utile per trattare le scottature, curare le ferite e per prevenire la formazione di cicatrici; ha proprietà calmante, antinfiammatoria, tonica e cicatrizzante. Svolge un’importante azione antisettica, antibiotica, antibatterica e sedante.

Conoscere meglio l’Olio Essenziale di Lavanda significa avere a disposizione un prezioso rimedio naturale che possiamo utilizzare in mille modi: per purificare gli ambienti, per la bellezza, per la salute del corpo e della psiche.

Ambienti

Per purificare l’aria negli ambienti non c’è niente di meglio dell’Olio Essenziale di Lavanda: da solo o miscelato ad altre essenze come il limone, il bergamotto o l’arancio, manterrà l’aria pulita e gradevole per molto tempo. Con i fiori di lavanda essiccati, è possibile preparare dei pot-pourri o confezionare dei mazzi da collocare negli ambienti; i fiori vanno essiccati mantenendoli capovolti. Classico è l’uso dei fiori essiccati, raccolti in sacchettini di tela sottile, per profumare gli armadi e la biancheria….

Bellezza

Per le pelli impure o per pulire la pelle dopo una giornata di esposizione all’inquinamento cittadino è possibile passare sul viso una lozione purificante preparata in questo modo:

  • 50 ml di aceto di mele
  • 10 gocce di olio essenziale di Lavanda
  • 50 ml di acqua distillata

Versare 10 gocce di O.E. nell’aceto di mele, agitare bene e aggiungere l’acqua distillata agitando nuovamente fin quando non sia perfettamente miscelato.

Per lenire le pelli esposte troppo a lungo al sole, si può preparare un gel lenitivo a base di aloe vera e O.E. di Lavanda, miscelando 10 gocce di O.E. di Lavanda in 10 gr. di gel di Aloe Vera.

Salute

In caso di scottature e ustioni di primo grado (lievi ustioni provocate ad esempio dal ferro da stiro, il forno,  l’acqua bollente) o per le vesciche da sfregamento, non c’è niente di meglio dell’Olio Essenziale di Lavanda; 1 goccia o più, a seconda dell’estensione della bruciatura da applicare direttamente sulla zona colpita. Nella maggior parte dei casi eviterà anche la formazione tipica della bolla d’acqua. Per le abrasioni si può utilizzare l’O.E. di Lavanda, miscelandolo ad un po’ di crema Ciderma per potenziarne gli effetti. Si ripete l’applicazione tutti i giorni coprendo con una benda la ferita, in modo da favorirne la cicatrizzazione e la ricostruzione del tessuto.

Per favorire un buon sonno o il rilassamento possiamo mettere 1 goccia di O.E. di Lavanda direttamente sul guanciale.

In caso di punture di insetti basterà applicarne una goccia sulla zona interessata per contrastare gli effetti indesiderati.

L’Olio Essenziale di Lavanda è anche un ottimo rimedio per le affezioni delle vie respiratorie e i suoi vapori hanno una forte attività battericida, confermato sperimentalmente anche da test di laboratorio. Può essere usato per il trattamento di bronchiti, asma, laringiti, alitosi, infezioni alla gola e stati influenzali, oltre che per lenire le tossi spasmodiche. L’Olio Essenziale di Lavanda contiene inoltre dei principi attivi con proprietà anticatarrali ed espettoranti.

E’ un ottimo antisettico con proprietà diuretiche e può essere impiegato nelle affezioni delle vie urinarie di origine batterica o fungina come cistiti e candide, contrastando infezioni da stafilococchi e streptococchi o proliferazioni da candida albicans.

Può essere utilizzato nel trattamento di molti disturbi associati all’apparato digerente, in quanto ha proprietà aperitive, digestive, carminative e antispastiche. L’O.E. di Lavanda è efficace nel trattamento di diverse forme di alterazione della flora batterica intestinale, in particolare nelle disbiosi di tipo fermentativo. Va sottolineato che la disbiosi intestinale è causa di anomalie nell’assorbimento enterico dei nutrienti, che sono all’origine di diversi fenomeni di intolleranze, se non di vere e proprie allergie alimentari. La salute dell’intestino è strettamente connessa con lo stato di salute dell’intero organismo ed è importante ripristinare la flora intestinale quando questa risulti compromessa per qualsiasi motivo.

Psiche

L’Olio Essenziale di Lavanda agisce sul sistema nervoso favorendo il rilassamento e possiamo utilizzarla per regolare la respirazione che, negli stati ansiosi, si fa più rapida e superficiale. In questo caso è possibile fare delle inalazioni a secco con 1 goccia di O.E. da versare direttamente su un fazzoletto da annusare all’occorrenza o, in alternativa, da versare nel diffusore ambientale assieme ad un poco di acqua. E’ un ottimo rimedio per il cattivo umore, la cefalea, l’emicrania, il nervosismo, l’insonnia, le tensioni nervose anche premestruali e in genere per lo stress psico-emotivo.

Pericolosità

Diversi principi attivi contenuti nella lavanda sono in grado di causare reazioni allergiche e se il prodotto non è di buona qualità, c’è anche il rischio di adulterazioni che ne aumentano la potenziale pericolosità.

L’Olio Essenziale di Lavanda è costoso e purtroppo non è raro imbattersi in prodotti che sono stati sofisticati per ridurne il costo di produzione. Questi oli hanno in genere un prezzo più basso al dettaglio, ma ciò a discapito delle proprietà curative e, come abbiamo detto, anche a rischio della propria salute. Le più comuni adulterazioni consistono in aggiunta di Olio Essenziale di Lavanda Bulgara, Salvia Spagnola, estratto di Eucalipto, Linalolo, Geraniolo ecc….

In commercio si trovano più di 30 tipi diversi di Oli Essenziali di Lavanda e diventa difficile orientarsi nella scelta. Il consiglio è di rivolgersi solo a rivenditori di fiducia o in grado, comunque, di dare serie garanzie sul prodotto.

Le indicazioni contenute in questo articolo hanno pura finalità informativa e non sostituiscono in nessun caso il parere del proprio medico.